Contenuto Principale
Senzatetto agli arresti domiciliari: 'Non ha casa, ma il Comune gliel'ha trovata' PDF Stampa E-mail
Domenica 06 Ottobre 2013 20:39

BARI - Ha passato in una tenda da campo meno di 24 ore, perchè il Comune gli ha trovato oggi un alloggio sia pur temporaneo, il sorvegliato speciale di Gioia del Colle Vittorio Giannico che da 13 anni vive per strada, senza casa e lavoro e che ora deve scontare una condanna definitiva a due mesi di arresti domiciliari per ricettazione.

La sua compagna, che da alcuni mesi dorme con lui all'aperto, su un materasso nel parco cittadino, è incinta. Per loro il Comune ha trovato una sistemazione provvisoria in un bed&breakfast cittadino.

 

Giannico, 44enne senza fissa dimora da molti anni, viveva nel parco antistante l'ospedale di Gioia del Colle con la sua compagna, malata e incinta. Ieri la locale Protezione Civile, in collaborazione con l'assessorato comunale ai Servizi sociali, ha montato per lui una tenda da campo nello stesso parco. E oggi, finalmente, un vero tetto sulla testa.

«Sto seguendo questa questione con il massimo impegno fin dall'inizio - ha detto l'assessore ai Servizi Sociali del Comune di Gioia, Filippo Donvito - e quando questa mattina il titolare di un Bed&Breakfast mi ha dato la disponibilità di una camera ho accompagnato personalmente Giannico e la sua compagna, con l'impegno di trovare presto una soluzione definitiva».

«In questo modo sarà sicuramente agevolata anche la soluzione delle sue pendenze giudiziarie» ha commentato il difensore di Giannico, l'avvocato Filippo Castellaneta. La pena inflitta a Giannico non è stata infatti finora eseguita proprio perchè l'uomo non aveva un alloggio.

 

Fonte leggo.it

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Ho perso 15 Kg con questa tisana...

Banner
Banner

Utenti online

 81 visitatori online

Potrebbe interessarti anche

Rassegna Stampa

Rassegna Stampa

Viaggi

Viaggi Viaggi Viaggi

Moda

Moda Moda Moda

Entertainment

Musica, Film, Spettacoli